LATITUDE 24° SAFARI & TOUR OPERATOR CC

...dal 1994

IL SUD FRA CANYON E DESERTI

© 2016 All rights  Reserved LATITUDE 24° SAFARI & TOUR OPERATOR CC

 

Il sud fra canyon e deserti

13 giorni/12 notti

 

 

Contattaci per la quotazione del viaggio.

 

La quota comprende:

  • Trasferimenti ed escursioni in 4x4
  • Sistemazioni in lodges, guesthouses e restcamp come sopra indicato O  SIMILARI
  • Trattamento di mezza pensione, ad eccezione di Swakopmund
  • Le entrate ai parchi e alle aree protette
  • Guida parlante italiano

 

La quota non comprende:

  • Il volo e le tasse aeroportuali
  • Tutti i pranzi + le 2 cene a Swakopmund
  • Tutte le bevande, le mance e gli extra personali in genere
  • Le attività turistiche opzionali di carattere facoltativo (quali game drive con mezzi scoperti, city tours, escursioni, voli panoramici, etc.)
  • L’acqua (in bottiglia) e le altre bevande
  • L’assicurazione individuale di viaggio
  • Le mance e quanto non espressamente citato ne “la quota comprende”.

 

Alcune note

Le tappe e i trasferimenti sono stati studiati in modo da calibrare tempi di percorrenza e chilometraggio. In Namibia la maggior parte della rete stradale non è asfaltata. L’itinerario si svolgerà

quindi prevalentemente su piste sterrate con un buon fondo stradale percorribili in tranquillità col minibus. Tra una tappa e l'altra quando non esistono ristoranti, la guida suggerirà l’acquisto del pranzo al sacco (packed-lunch) la sera prima presso i lodge. Il circuito si svolge prevalentemente su piste e

strade in parte sabbiose e ghiaiose quindi si guida a velocità moderata e occorre essere preparati alle forature (possono essere frequenti per la presenza sul terreno di piccoli quarzi), alla polvere ed ai sobbalzi.

 

Per i safari nel parco Etosha la guida farà i foto-safari utilizzando il proprio mezzo. Segnaliamo però che per chi lo desidera, è possibile acquistare in loco i safari organizzati dal parco, in 4x4, con tetto e fianchi aperti. In tal caso la guida sarà un ranger del parco, parlante inglese, ed è necessario premunirsi di abiti caldi per proteggersi dal vento e, nell’inverno australe, dal fresco delle prime ore del giorno e della notte. Può succedere che si debba condividere il mezzo con altri ospiti del campo/lodge, anche di diversa nazionalità.

 

 

PRIMA DI ACQUISTARE IL VOSTRO BIGLIETTO AEREO, NOTARE CHE:

➡ giorno 01: partenza dallʼaeroporto di ! Windhoek ore 08h00

➡ giorno 11: arrivo allʼaeroporto di Windhoek ore 14h00

Se si rendesse utile il pernottamento a Windhoek a inizioo a fine viaggio, richiedeteci il supplemento (trasferimenti da e per lʼaeroporto gratuiti).

Itinerario

 

1° giorno: WINDHOEK - KALAHARI DESERT

Partenza da Windhoek verso sud in direzione Rehoboth e Mariental. Da qui si prosegue verso est per raggiungere il Deserto del Kalahari caratterizzato dalle coloratissime dune. Arrivo e sistemazione al lodge. Escursione facoltativa per un insolito fotosafari tra le dune. Cena e pernottamento.

 

2° giorno: KALAHARI DESERT - FISH RIVER CANYON

Dopo la prima colazione partenza per il Fish River Canyon.  Lungo il tragitto, visita della foresta di Kokerboom, dichiarata monumento nazionale. La scorza degli alberi della foresta veniva utilizzata dai Boscimani per costruire le loro faretre. Visita del Giant’s Playground, labirinto di massi giganti che stanno in precario equilibrio. Arrivo al Fish River Canyon e sistemazione al lodge. Cena  e pernottamento.

 

3° giorno: FISH RIVER CANYON - AUS

Il Fish River Canyon è il secondo canyon più grande al mondo. Immensa scultura della natura, questo spettacolare canyon si snoda per circa 130 km e la gola è caratterizzata da un susseguirsi di stratificazioni di roccia degradanti verso il fondo, sino a raggiungere le limpide acque del Fish River. Sosta ai punti panoramici per ammirare la straordinaria bellezza di questo affascinante paesaggio. Trasferimento ad Aus e sistemazione al lodge. Lungo il percorso, sosta a Garub per   osservare i cavalli selvaggi del Namib. Cena e pernottamento.

 

4° giorno: AUS: ESCURSIONE A LUDERITZ

Dopo la colazione, partenza per l’escursione a Luderitz. Angolo di Baviera ricostruito alla fine dell'Ottocento sulle fredde sponde dell'Oceano Atlantico, Luderitz è ubicata in uno dei più impervi angoli dell'Africa australe. Non più di un secolo fa, questa cittadina prosperava grazie ai vicini giacimenti di diamanti che attiravano migliaia di cercatori di fortuna. Oggi i ricchi giacimenti diamantiferi della zona si sono esauriti e la città vive di pesca e turismo. Visita alla “città fantasma” di Kolmanskop, il vecchio centro diamantifero ormai abbandonato. Tempo permettendo, visita al Diaz Point. Rientro ad Aus. Cena e pernottamento.

 

5° giorno: AUS - D707 - NAMIB DESERT

Dopo la prima colazione proseguimento verso nord, per giungere a Sesriem. Si imbocca la  D707, una pista ben poco frequentata che riserva grandi sorprese: il paesaggio è mozzafiato, le dune sono strepitose e di tanto in tanto capitano avvistamenti di struzzi, orici e springboks: è uno dei percorsi più spettacolari di tutta la Namibia. Non lontano da Helmeringehausen, si farà tappa per visitare il castello di Duwisib, costruito dalla famiglia del barone Von Volf nei primi anni del Novecento. La pietra utilizzata è arenaria delle vicine colline, ma la maggior parte dei restanti materiale arriva dall’Europa. Arrivo nell’area di Sesriem e sistemazione al lodge. Cena e pernottamento.

 

6° giorno: NAMIB DESERT

Dopo colazione, intera giornata dedicata alla visita delle famose dune di Sossusvlei e del Sesriem Canyon. Il Deserto del Namib, il più antico del mondo, si estende per 400 Km da sud a nord (e circa 120 Km da est a ovest) ed è un vero e proprio “deserto vivente”: dal vicino Oceano Atlantico arriva la fredda corrente antartica del Benguela che, portando una buona dose di umidità, soprattutto notturna, influisce su un ricchissimo sistema di vita inimmaginabile per un deserto all’apparenza così arido. Orici, sprigbook e struzzi sono gli animali più visibili e poi ancora insetti ed uccelli, più raramente rettili; tutti hanno sviluppato mirabili tecniche di sopravvivenza adattando il proprio metabolismo ad un ambiente così estremo. Ci si addentra, percorrendo 60 Km di strada sterrata, in uno scenario fantastico di dune via via sempre più alte, dove i morbidi colori della sabbia contrastano con un cielo quasi sempre limpidissimo. Si arriva a Sossusvlei (la navetta è inclusa), dove una depressione forma un “miracoloso” lago (la presenza dell’acqua dipende dalla quantità di precipitazioni durante la stagione delle piogge) contornato da alte dune: da qui raggiungiamo Deadvlei, “il lago morto”, sovrastato dal “Big Papa” (la più alta duna della zona) che offre un emozionante scenario, quello che è, forse, il più bello e fotografato panorama della Namibia. Rientro al lodge. Cena e pernottamento.

 

7° giorno: NAMIB DESERT - SWAKOPMUND

Dopo colazione si parte per Swakopmund, via Solitarie, costeggiando il Namib Naukluft Park. Il percorso offre interessanti vedute panoramiche sulla morfologia del territorio e, passati i passi Gaub e Kuiseb ci si ferma a godere il canyon che quest’ultimo fiume ha scavato nel corso dei millenni. Proseguendo verso nord e poi decisamente verso ovest si arriva, non lontani dall’oceano, alla piana delle Welwitschia: qui, le particolari condizioni micro-climatiche rendono possibile la vita di queste rarissime e strane piante che possono arrivare, con una crescita lentissima, fino a 2.000 anni di vita. Non lontano da qui, il secolare lavoro erosivo del fiume Swakop offre un “paesaggio lunare” (o “Valle della Luna”), monumentale e arido panorama formato da un vasto sistema di canyon dalle ampie sfumature di colori. Arrivo a Swakopmund e sistemazione in guesthouse. Cena libera e pernottamento.

 

8° giorno – WALWIS BAY & SWAKOPMUND

Dopo colazione, la mattina è dedicata alla visita della laguna di Walwis Bay: situata a 30 Km a sud di Swakopmund, questa cittadina commerciale è il solo porto “naturale” della Namibia. Una lunga lingua di sabbia che nasce dal deserto penetra nell’oceano formando un approdo sicuro in una laguna che è rifugio, oltre che di attività umane, di una discreta fauna (otarie, pellicani, gabbiani, cormorani e, nelle zone più tranquille, fenicotteri). Dopo una visita anche all’area delle saline si rientra a Swakopmund. Il resto della giornata sarà a disposizione per attività individuali come la visita di Swakopmund e lo shopping oppure prendere parte ad una delle tante attività facoltative che la località offre, come ad esempio un sorvolo sul Deserto del Namib e lungo la Skeleton Coast. Cena libera e pernottamento in guesthouse.

 

9° giorno: CAPE CROSS - DAMARALAND

Prima colazione e partenza per il nord, costeggiando l’Oceano Atlantico, lungo la parte meridionale della Skeleton Coast, per arrivare a Cape Cross, sulle cui scogliere vive la più numerosa colonia di otarie dell’Africa Australe. Si continua poi verso l’entroterra, per entrare nella regione del Damaraland che offre paesaggi di rara bellezza. Sistemazione in lodge per la cena ed il pernottamento.

 

10° giorno - DAMARALAND - ETOSHA NATIONAL PARK

Dopo colazione è prevista la visita alle incisioni rupestri di Twyfelfontein e alle interessanti formazioni geologiche dell’area come la Burnt Mountain, le Organ Pipes a la Foresta Pietrificata. Si continua il viaggio per raggiungere il Parco Nazionale Etosha. Pomeriggio dedicato al fotosafari. Cena e pernottamento in restcamp, all’interno del parco.

 

11° giorno - ETOSHA NATIONAL PARK

L’intera giornata è dedicata al fotosafari all’interno del parco, una delle prime aree al mondo dedicate alla conservazione naturale, un vero “scrigno” di biodiversità animale e vegetale. Ci troviamo in un area di circa 23 mila Km quadrati (l’estensione del Piemonte) di cui un terzo è ricoperto dall’arido “pan”, un tempo un vasto lago salato. Etosha offre agli amanti ed ai curiosi della selvaggia vita animale una sorprendente varietà di avvistamenti: elefanti, giraffe, zebre, gnu, kudu, springbok, impala sono a portata dei nostri occhi e dei nostri obiettivi fotografici. Tra i grandi predatori, se pur schivi, si concedono alla nostra vista leoni, ghepardi e iene; il timido rinoceronte nero e l’elusivo leopardo (pur entrambi presenti in buona quantità) sono avvistamenti più rari ma che riservano grandi emozioni. Una nutrita e varia avifauna fa da contorno a questa grande esperienza di osservazione naturale. Cena e pernottamento in restcamp, all’interno del parco.

 

12° giorno - ETOSHA NATIONAL PARK - OTAVI

Buona parte della giornata è spesa per un ultimo entusiasmante game drive all’interno del parco, per poi uscire sul versante orientale (gate di Namutoni).  Si percorre la B1 attraverso un paesaggio aspro che da pianura si eleva ad altopiano, per poi diventare vera e propria formazione montuosa. Il sottosuolo è ricco di acqua e di giacimenti minerari: piombo, rame, argento e numerosi altri metalli (quasi duecento tipi differenti). Arrivo e sistemazione al lodge. Cena e pernottamento.

 

13° giorno - OKAHANDJA - WINDHOEK - TRASFERIMENTO ALL’AEROPORTO

Dopo colazione, percorso di rientro verso la capitale. Lungo il tragitto, sosta nella località di Okahandja per visitarne il famoso mercato. Centinaia di capanne espongono oggetti prodotti da artigiani specializzati nell’intaglio del legno, produzione di maschere, cestini di vimini, collane di osso, statue in quarzo e malachite, bracciali in ottone, cuoio, semi. Arrivo a Windhoek e, dopo un po’ di tempo a disposizione per visitare il centro città, trasferimento in aeroporto.